L’internazionalità della Nacre

Che cos’è la Nacre?

3389fac4-550d-4e4a-be95-5e4555d19691Il termine “Nacre” viene utilizzato globalmente per indicare la Madreperla, materiale particolarmente pregiato che deriva dallo strato più interno di conchiglie che ospitano determinati molluschi, come le ostriche.
Viene utilizzata per diversi scopi artistici, che riguardano non solo l’arte ed il disegno ma anche la bigiotteria e la gioielleria.

 

 

 

 

Origine e caratteristiche

La Madreperla è prodotta da molluschi, ma quali? 95d3392b737277422e6368b1e009c519
Quelli principali fanno parte delle famiglie Haliotidae e Pinctada Maxima, ed in base alle loro caratteristiche (geografiche e fisiche) sono in grado di generare un tipo di Nacre che, al posto di essere solamente bianca, presenta iridescenze blu, gialle e verdi.

Uno degli elementi distintivi (e più curiosi) della Madreperla è il fatto che è formata da un raggruppamento di Aragonite disposto su diversi livelli, che costituirà la sua struttura primaria. Sarà proprio la luce prodotta dai vari livelli che donerà al materiale le sue caratteristiche iridescenze.

 

La Madreperla nella Cristalloterapia


71xho3h6J8L._SX466_Secondo la testimonianza dell’antropologo Carlos Castenada, gli Yaqui furono la prima popolazione indiana del Messico ad utilizzare collane ed amuleti di Madreperla (chiamati “hopo’orosim”) per proteggersi dal male e dalle tenebre.
Nella cristalloterapia è indicata per disturbi causati dalla mancanza di calcio, in particolare, per le donna, durante la menopausa ed il parto. Efficiente anche per ristabilire equilibrio emotivo e mentale, la Madreperla serve a calmare attacchi d’isteria e nervosismo.
Questo materiale facilita inoltre il rapporto con se stessi e con gli altri, portando serenità e pace, che derivano rispettivamente dal mare e dal suo colore.

 

Curiosità

Nell’antichità si credeva che la perla fosse una lacrima degli dei;
Il termine “Madreperla” fu coniato proprio dalla regina Elisabetta, nel XVI secolo, che dopo aver visto il prezioso materiale, lo definì con l’espressione “Mother of Pearl” (“Madre della perla”);

Nel 1920, scavi archeologici dimostrarono che anche i Sumeri della Babilonia erano soliti apprezzare la Madreperla, ma si limitavano ad utilizzare questo prezioso materiale come rivestitura di ornamenti in legno.

La Madreperla Neozelandese Pua è incredibilmente brillante e ricca di colori, e proprio per questo viene paragonata all’Opale e definita come “Opale del mare

62202323_2184856481623622_6896880495624192000_n (2)

 

 

 

 

 

 

Armonizzare i sentimenti con la Crisocolla

Cos’é la Crisocolla?

La Crisocolla è una pietra semi preziosa, considerata essenziale in passato per l’estrazione del rame.
Morfologicamente parlando, la Crisocolla può trovarsi in natura sotto diverse forme, da masse stalattitiche ad incrostazione sferule o terrose.
Il colore che la contraddistingue è tendente al verde brillante o bluastro, e proprio percrisocolla questo viene associata a Malachite, Azzurrite e Curprite.
La Crisocolla inoltre viene impiegata per un altro uso, ovvero la produzione di un pigmento inorganico, noto con il nome di colla d’oro.

 

 

Proprietà della Crisocolla

Le sfumature di verde, turchese e blu scuro che caratterizzano la Crisocolla indicano la sua affinità con il quarto ed il quinto chakra, che approfondiremo successivamente.
Questa pietra semi preziosa dona pace e serenità, ed era utilizzata come amuleto protettivo contro gli insulti e le calunnie della gente.
crisocollaburattata11Indossare questa pietra significa infatti creare una barriera che riflette e rimanda al mittente le cattiverie indirizzate alla nostra persona.
Si crede inoltre che la Crisocolla, oltre a donare calma, riesca anche a migliorare i sensi e a stimolare le capacità mentali e l’acume.
Questa pietra ha un forte impatto sulle emozioni, in quanto mitiga quelle troppo esuberanti a favore di un equilibrio bilanciato. Porta anche allo sviluppo di una maggior sicurezza ed accettazione.

Miti e leggende

La fama della Crisocolla ha origini antiche, dato che gli egizi credevano che questa pietra attirasse l’oro, quindi la ricchezza. Cleopatra era solita indossare molti gioielli realizzati PIC3489Ocon la Crisocolla, nonostante fosse molto fragile.
Nei trattati astrologici rinascimentali invece, le si attribuivano tutte le virtù del sole, e quindi un’ottima connessione con i segni dell’Ariete e del Leone.

 

Crisocolla e Chakra

 Come abbiamo già anticipato, la Crisocolla è legata al mondo dei chakra, più specificatamente al quarto e al quinto, ma questo in base alle sfumature che presenta.
Se la colorazione è maggiormente verde, la pietra si legherà al chakra della gola, il quarto, mentre se le sue sfumature sono tendenti all’azzurro e blu, si incatenerà al chakra del cuore, il quinto.
I benefici che otterremo saranno: l’ottimo utilizzo delle parole, comunicazione fluida ed espressiva, un equilibrato centro energetico, ma anche chiarezza nel cuore.
Essenziale è inoltre pulire e purificare la pietra, ma come fare?
La Crisocolla si può lavare con acqua, purché si asciughi subito dopo con cura.

62202323_2184856481623622_6896880495624192000_n.jpgQuesta è la nostra proposta. Il nostro intento vuole racchiudere le proprietà specifiche della pietra, quindi pace e serenità d’animo, in una collana tutta al femminile grazie all’abbinamento della crisocolla ai fiori tridimensionali e alle perle.

Presto nel nostro shop online!

 

"La Piccola Roma", Verona.

֍ Curiosità storiche

Verona, ai tempi dell’Impero romano, era definita come “La piccola Roma”, data la presenza del quarto anfiteatro, dopo il Colosseo, d’epoca romana ovviamente; tuttora in funzione ed utilizzato per concerti e rappresentazioni teatrali, tra cui “Romeo & Giulietta”, dello scrittore inglese William Shakespeare.
Nel periodo medioevale, invece, questa prospera città fu considerata dal re Ostrogoto talmente ricca ed interessante da poter diventare addirittura la sede reale.

֍ Vivere la città

Per poter comprendere appieno lo spirito frizzantino di questa città dichiarata Juliet statue and home in Verona - Tutt'Art@ (6)patrimonio dell’UNESCO bisogna, oltre che amare la storia, apprezzare profondamente l’arte, in tutte le su forme.
Come accennato, non si può in alcun modo parlare di Verona senza parlare della famosissima tragedia di Shakespeare, “Romeo & Giulietta”, motivo di orgoglio da parte dei cittadini. Si trova infatti, all’interno della città, un palazzo medioevale, non distante da Piazza delle Erbe, che è appartenuto alla famiglia dei Capuleti, menzionati nella tragedia, con il riconoscibile stemma sulla chiave di volta dell’arco di entrata del cortile della casa.
Di fronte all’edificio si erge la statua di Giulietta, realizzata in bronzo, avvolta da una credenza alquanto singolare, si pensa infatti che, toccandole il seno sinistro, la fortuna arriverà.

 

 

verona19 ARENA 2019_Foto Ennevi-2

 

Oltre alla letteratura però, Verona incanta anche per l’architettura, come dimostra l’Arena, che ospitava le battaglie di gladiatori. Imponente e con giochi cromatici dati dalla presenza di mattoni e pietre.

 

 

 

Cibo e sfiziosità

La tradizione culinaria di Verona è pressoché secolare, e mantenuta viva nelle trattorie.
Oltre a polenta e riso, troviamo le “paparele“, tagliatelle con piselli e fagioli, oppure la mandorlato3pastisada de caval“, che vede gnocchi accompagnati da carne di cavallo.
Tra i dolci più apprezzati troviamo il delizioso Pandoro e il goloso Mandorlato.

 

 

Eventi futuri

 

La Festa patronale, che si terrà dal 18 al 21 Maggio, alla quale noi, Vanitage Gioielli Artistici, parteciperemo.60451376_2151686694940601_6799019180453527552_n

Festa del Patrono di Verona

Vi aspettiamo!